Luglio 25, 2014
Requiem for a Pracchi

calvairatesburgh:

Sono giorni molto tristi nel quartiere. Su Viale Umbria 66 suona il “Silenzio”, con bandiera a mezz’asta.

Le insistenti voci di quartiere che davano Pracchi come vicino alla chiusura, si sono rivelate fondatissime.

Col 31 di luglio 2014 si chiuderà per sempre la saracinesca di Pracchi.

La…

E ora, cosa sorgerà al suo posto?
1. agenzia immobiliare;
2. ennesimo distaccamento Ortopedia Baldinelli;
3. centro massaggi cinese;
4. negozio di telefonia in franchising tipo centro Tim;
5. banca;
6. ennesima vetrina Marchi Group “cucine assurde”;

Calvairatesi, intoniamo insieme un peana per Pracchi.

3:25pm (view comments
FILED UNDER: pracchi 
Luglio 15, 2014

Da stamattina ho in testa un pezzo di Dennis Wilson, che avevo già postato qui tre anni fa. Il pezzo si fa strada tra Depretis e la Prammatica Sanzione - di che anno è? Non me lo ricordo più. In un certo qual modo, l’affinità che sento con quel brano si riflette in molte delle fotografie del Wilson delle session di Pacific Ocean Blue. Che cosa mi significa quel volto? Che cosa sono esattamente la solitudine e l’essere umani?

2:52pm (view comments
FILED UNDER: dennis wilson 
Luglio 14, 2014
Garibaldi, non avendo ottenuto dal re un anno di governo nell’Italia meridionale, parte per l’isola di Caprera con un sacco di sementi e un rotolo di merluzzo salato.
Stando al sito http://www.eleaml.org/sud/malaunita.html con queste cose sarebbe partito Garibaldi per Caprera, dopo l’infruttuoso incontro di Teano - più per il divieto di marciare su Roma, direi, che per l’anno di governo di cui dice il sito di cui sopra - con Vittorio Emanuele II.
Luglio 3, 2014
Appena il denaro tintinna nella cassa, l’anima balza in Paradiso.

Slogan dei predicatori incaricati di riscuotere le indulgenze, XV sec.

Giugno 29, 2014
Pirrone: sappiate, invero, che non vi è alcuna differenza tra la vita e la morte.
Un tale: e allora, o Pirrone, perché non affretti la sua venuta, uccidendoti?
Pirrone: perché non vi è alcuna differenza tra la vita e la morte.
Giugno 28, 2014

Alle ore 21.55 di sabato 28 giugno 2014, al ***** piano del palazzo sito in ****** ************ ****, cortile interno, con la tovaglia a quadretti e il libro davanti, si attestano inequivocabilmente l’odore di umidità e legno bagnato, temperatura tiepida e fiducia nell’esistenza di un mondo esterno che contraddistingue le notti passate a dormire in spiaggia in un sacco a pelo.

IN FEDE
mm1

Giugno 26, 2014
A qualcuno dovrebbe ricordare qualcosa ripreso paro paro in Game of Thrones…

A qualcuno dovrebbe ricordare qualcosa ripreso paro paro in Game of Thrones…

Giugno 19, 2014

sono stato dentro la pancia della madre, prima, e cattolico, dopo; milanista, ma si attesta una scritta “forza juve” su di un Marie Claire di casa intorno ai sette anni; agnostico, ateo, anticlericale per un po’ e poi ora non più come un tempo; indeciso tra Foscolo e Leopardi, di cui amai sempre la ginestra ma Foscolo mi pareva più spleen e meno tarallucci; e poi snob, elitario e selettivo, vantandomene, prima, e pentendomene, ora; sono stato platonico e kantiano al liceo, quarto anno; fervamente schopenhaueriano l’ultimo anno, pur senza capire esattamente che significasse; odiavo Hegel così come oggi lo trovo intellettualmente insopportabile, forse perché non lo capisco; sono stato lasciato senza neanche consumare, lasciato senza neanche stare insieme, lasciato e poi ripreso dalla stessa persona un centinaio di volte; sono stato tennista, cestista, pallavolista, calciatore, nuotatore estivo e invernale, ancora calciatore, il tutto per poco tempo - rimasi calciatore per qualche anno di fila, invece, più che altro perché mi piacevano le chiacchiere da spogliatoio e sentirmi parte di una comunità, pur dalla panchina e anche se entravo quasi sempre in campo, tranne qualche raro caso, negli ultimi quindici minuti; sono stato il primo, il secondo o a volte anche il terzo della classe, sono stato sul cornicione del quarto piano per un colpo di testa ma nessuno mi ha visto, sono stato chiuso in bagno a meditare sul suicidio di un amico insieme a due persone che mi lacera non essere stato in grado di esserci ancora amico, più che altro per la difficoltà di mantere le amicizie con gli altri uomini; sono stato apolitico - che sentirlo pronunciare mi viene i brividi -, anarchico - a modo mio, ovviamente - di “sinistra”, anni fa, quando compravo il Manifesto e giravo con quelli del Collettivo Pantera, ma solo a mensa o a lezione, e ora di sinistra, anche se ogni volta mi lamento quando vado a votare; sono stato il cocco di mamma, anche se credo oramai di aver creduto di esserlo stato, il figliol prodigo e il figlio ripudiato, sempre con squisito garbo borghese - per mio padre esattamente ancora non lo so cosa sono stato; sono stato un sacco di volte nel Mediterraneo e tutti mi prendono per il culo - e del resto uno parla con cognizione di causa di quello che ha vissuto e non di quello che non ha vissuto e meno male; sono stato ore e ore al telefono al liceo e ho passato anni a scrivere lunghe lettere, prima, ed e-mail, dopo, e ora non riesco più a farlo (le lunghe lettere le ho ancora; o meglio, ho le risposte alle lunghe lettere, tenute in una scatola); sono stato in dubbio se essere omosessuale perché mio padre una volta mi chiese sei ricchione?, ma nonostante ci abbia pensato, ogni tanto, per colpa di tutte le donne che frequentavo, credo di poter dire ragionevolmente che preferisco le donne; sono stato chiuso in casa a studiare un sacco - non sono mai stato in Erasmus - e sono stato spesso bloccato dai miei timori diffusi; all’università sono stato indeciso se essere rousseaviano o hobbesiano, ma poi ho mollato la filosofia politica; e allora sono stato wittgensteiniano, ma solo del secondo Wittgenstein, per circa due mesi; poi anche heideggeriano, ma solo del secondo Heidegger; anche all’università Hegel non l’ho mai digerito, anche perché poi sono stato deleuziano, e dunque se sei deleuziano anche spinoziano, e da allora Hegel è la peste nera, ma sempre forse perché non lo capisco; sono stato sempre nella stessa casa, qui a Milano, tranne per i primi tre mesi - e sono stato all’epoca anche uno studente di medicina, prima di mollarla per dei motivi che adesso, a pensarci, mi sembrano assai sciocchi; sono stato un ascoltatore di Albertino, prima, e dei Cure, dopo, che mi hanno cambiato la vita con A night like this, anche se, comunque, mi sono sempre sentito a disagio nel definirmi un fan di qualcuno; sono stato dell’idea di fare lo psichiatra, prima, lo psicologo, dopo, e alla fine mi sono iscritto a filosofia; sono stato un commesso di vario tipo, ma sempre con Clerks bene in mente, e in certi giorni lo sono ancora; sono stato un cattivo fratello ed è la cosa che forse rimpiango di più - e chissà se mia sorella leggerà mai quello che scrivo; sono stato e sono, anche oggi, uno parecchio verboso, che si lamenta spesso e che ha una scarsa stima di se stesso, sebbene non sembri; sono stato vincitore di un concorso di carnevale vestito da sceicco arabo ma, da allora, non ho vinto più nulla, neanche col Gratta e vinci, a parte la borsa di dottorato e, incredibile dictu, non ero raccomandato; sono stato un pessimo cuoco, che sono andato avanti per mesi con latte e biscotti o riso in bianco, e ora la differenza è che sarei discreto a cucinare ma mi applico pochissimo; sono stato ottimista, poi nichilista, credo al liceo, poi più serenamente pessimista - ed è una condizione che dura anche oggi, con tutte le cautele del caso e le intellettualizzazioni possibili, nonostante l’analisi ogni tanto faccia breccia e mi renda qualche speranza; in proposito, spero un giorno di essere sereno - perché felice ogni tanto lo sono anche oggi - e di essere un buon padre, soprattutto, quando e se capiterà.

Giugno 19, 2014

Perché dal centro estivo dell’oratorio qui dietro non arriva un camminerò, camminerò ma una cassa in 4/4 e un autotune in una lingua troppo straniera perché io la capisca?

12:04pm (view comments
FILED UNDER: oratorio 4/4 
Giugno 18, 2014
In un mare di disperanze, ogni tanto si ha fortuna (grazie a murmur per la segnalazione e alla macelleria islamica sotto casa che fa il miglior Kebab di Milano).

In un mare di disperanze, ogni tanto si ha fortuna (grazie a murmur per la segnalazione e alla macelleria islamica sotto casa che fa il miglior Kebab di Milano).

Giugno 16, 2014

Ma ce l’avete, voi, signori della giuria, qualcuno che prenda le vostre difese in questo modo, che usi per voi queste precise parole? Lo sapete, voi, signori della corte, la Madonnina di notte e il Duomo e un uomo stanco e i troppi pensieri e la testa carica di cose perdute? Lo sapete, voi, signori del tempo che scorre, che cosa significa tutto questo?

(Fonte: Spotify)

8:40pm (view comments
FILED UNDER: music spotify 
Giugno 15, 2014

Felicità è: trovare finalmente un misurino dentro il detersivo in polvere, dopo anni di speranze disattese.

Giugno 15, 2014

Qualcuno mi spiega quell’asciugamano giallo di sfondo a ogni stacco pubblicitario RAI? Ma è poi davvero un asciugamano?

Giugno 8, 2014

Roba da smanettoni: se avete un aggeggio iOS 7 jailbroken, siete orfani di NCSettings e vi eravate stancati della pesantezza di SBSettings, questo CCSettings fa il caso vostro: non installa altri pacchetti se non il suo, si integra nel ControlCenter e aggiunge toggle quali 3G/LTE, vibrazione, chiusura di tutte le app in background, pulizia dei fastidiosi badge della springboard, autolock, screenshot, respring, ecc. ecc.

Giugno 8, 2014
Domenica bucato.

Domenica bucato.